Category Archives: News

APERTURA GRADUATORIE PERSONALE ATA 2021

In attesa dell’apertura delle graduatorie per il personale ATA 2021, forniamo alcune news.

QUANDO ESCE IL BANDO PER LE GRADUATORIE ATA III FASCIA?

La pubblicazione del bando per l’apertura delle graduatorie Ata III fascia era attesa per fine gennaio, poi slittata per problemi tecnici e pratici. Una bozza uscita a febbraio è già presente online ma verrà modificata perché il MIUR si sta confrontando con i sindacati per portare avanti in modo celere una procedura concorsuale concordata.

Il 16 febbraio scorso il CSPI ha pubblicato il PARERE (scarica pdf ). Il quale contiene diverse modifiche alla bozza del bando ATA III fascia e alla bozza delle tabelle di valutazione titoli. Bisogna attendere l’accordo tra le parti e il decreto definitivo del MIUR così da avere indicazioni esatte per la presentazione della domanda.

 

QUANDO FARE DOMANDA PER LE GRADUATORIE ATA III FASCIA

Inizialmente la data era stata fissata dal 1 febbraio al 31 marzo 2021, ma visto lo slittamento del concorso, si attendono le date ufficiali dettate dal decreto. Anche perché si sta lavorando sul potenziamento delle piattaforme online visto che le domande avranno quest’unica modalità di presentazione.  Per anticipare le tempistiche è già possibile procedere con la registrazione su istanze online (per chi non si è mai registrato) ed è il primo step per la presentazione della domanda.

CSPI ha proposto al Ministero di prevedere un periodo di 45 giorni per presentare le domande, così le segreterie possono lavorare le domande senza problemi visto anche l’emergenza sanitaria per via del covid 19 ancora in corso. Alcuni sindacati hanno fatto richiesta al MIUR per lo slittamento della presentazione delle domande dal 1 giugno 2021 al luglio 2021. 

PROFILI PER I QUALI CONCORRERE

E’possibile aggiornare o inserire la domanda per il concorso ATA per i seguenti profili, profilo di assistente amministrativo, collaboratore scolastico, cuoco, guardarobiere, addetto alle aziende agrarie, infermiere e assistente tecnico. Naturalmente si devono possedere i titoli di accesso validi alla presentazione. Non si può concorrere per il profilo di DSGA per il quale viene bandito apposito concorso.

CHI ERA INSERITO IN GRADUATORIA DEVE RIFARE LA DOMANDA?

PER LA DOMANDA ATA 2021-2023 tutti gli aspiranti devono presentare domanda, anche coloro che erano presenti nel triennio 2018/2021.Per confermarsi nelle graduatorie quindi bisogno ripresentare la domanda per il bando ATA che sarà indetto a breve.

LE SUPPLENZE ATA

Il Consiglio Superiore Della Pubblica Istruzione in data 16 febbraio ha espresso la necessità di una rivalutazione del Regolamento per le supplenze ATA così come contenuto nel decreto ministeriale 430 del 13 dicembre 2000. Ciò viene determinato in merito anche alla volontà di voler semplificare le procedure, consentendo così di avere tutte le domande corrette ed in tempo per l’anno scolastico 2021/21.

INFO

Per tutte le novità sulla presentazione delle domande ATA visitate il nostro sito. Iscrivetevi alla nostra newsletter per rimanere aggiornati sull’apertura della domanda e del bando per l’aggiornamento delle graduatorie ATA di terza fascia.

AbilitazionInsegnamento.IT offre corsi specifici per personale ATA che consentono di acquisire punteggio per scalare la graduatoria, compila il form dei contatti per ricevere informazioni:

Form contatti

specializzazione sostegno

Abilitazione insegnamento / TFA – Specializzazione sostegno 2021

A partire dallo scorso 12 febbraio 2020 il Ministero dell’Istruzione, con il DM 95, decreta l’attivazione dei percorsi di formazione per la specializzazione relativa alle attività di sostegno degli alunni con disabilità nelle scuole.

abilitazioni insegnamento specializzazione sostegno
Abilitazione insegnamento e specializzazione sostegno in Romania

V ciclo TFA sostegno 2019/2020

Viene così avviato  il V ciclo TFA sostegno 2019/2020. Abilitazioninsegnamento.it segue gli aspiranti docenti interessati a seguire questo percorso di formazione valido per tutti i livelli di insegnamento. Il TFA è rivolto agli insegnanti della scuola dell’infanzia, della scuola primaria, fino alla scuola secondaria di primo e secondo grado. Le abilitazioni all’insegnamento vedono disponibili ben 19585 posti da ripartire su tutte le regioni d’Italia, più tutti quelli riservati ai docenti che risultano idonei. Dunque, le singole Università destinatarie dell’attivazione dei corsi sono impegnate a pubblicare i bandi indicando date e luoghi dove avverranno le procedure selettive. 

specializzazione sostegno
specializzazione sostegno

A causa della pandemia da Covid-19, le preselezioni per il TFA sono state più volte rimandate. Sappiamo bene che il Ministero ha chiesto che le prove fossero svolte dal 24 settembre al primo ottobre. In realtà alcune Università avevano già attivato le procedure di reclutamento. Ugualmente, la disomogeneità delle procedure relative al titolo V in merito al ciclo di TFA nelle diverse università sono proseguite anche in virtù di quanto previsto dal DPCM del 4 novembre 2020. Il Decreto, infatti, sospende lo svolgimento sia delle prove preselettive che quelle scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private. Quanto accaduto, a causa del coronavirus ha notevolmente preoccupato gli specializzandi. Fortunatamente oggi si riaccende la speranza, per coloro che intendono perseguire la formazione nell’ambito del sostegno e che hanno voglia di conseguire la specializzazione la prossima estate. Una possibilità che arriva grazie al decreto numero 858 del 18 novembre 2020 del ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi. Il ministro ha, infatti autorizzato le attività di laboratorio a distanza per il V ciclo del Tfa legato al sostegno. In questo modo verrebbero garantite anche la possibilità di svolgere la prova orale a distanza per l’ammissione al V ciclo. Sempre nel decreto c’è la nota 33310 del 27 novembre 2020 nella quale vengono emanati dal Ministero dell’Università e della Ricerca, vengono autorizzate le Università a procedere nella modalità a distanza da utilizzare sia per la prova orale che per le altre attività di laboratorio. In realtà esiste il decreto del 30 settembre 2011 che, in riferimento al TFA sostegno, prevede che i laboratori e per il tirocinio non possano utilizzare la formazione on-line. Le regole per il nuovo concorso sul sostegno sono legate alla legge di Bilancio 2021 approvata lo scorso 30 dicembre 2020. Un concorso che prevede procedure selettive su base regionale e finalizzate all’accesso in ruolo dei soggetti che sono in possesso del relativo titolo di specializzazione conseguito ai sensi della normativa vigente. Per gli insegnanti di sostegno verrà poi bandito un concorso ogni due anni regolamentato da un decreto ad hoc del Ministero. Concorsi che abilitazioninsegnamento.it monitorerà per essere sempre pronto a rispondere alle nuove esigenze di coloro che intendono partecipare per lavorare nella scuola. Mentre, le assunzioni avverranno solo in caso di esaurimento delle graduatorie concorsuali già costituite per le immissioni in ruolo. La norma comprende anche la procedura di call veloce in altra regione. Questa sarà utilizzabile se ci saranno posti disponibili da assegnare. Dunque, agli specializzandi non resta che giungere al termine del loro percorso e tenersi pronti per affrontare nuove prove per l’inserimento nel mondo della scuola e dell’insegnamento.

Per maggiori informazioni potete seguire le news sul sito di abilitazioninsegnamento.it e contattare il nostro personale qualificato che risponderà a tutte le vostre domande.

Abilitazione insegnamento specializzazione sostegno online in Romania

Nel frattempo abilitazioninsegnamento .it propone i corsi di abilitazione insegnamento e specializzazione sostegno in Romania che in via del tutto eccezionale, causa COVID, si svolgono online.

Per informazioni compilare il seguente form:

Form contatti

Auguri di buone feste

Auguriamo a tutti voi buone feste e un grandissimo 2021.


Tanti auguri,
AbilitazionInsegnamento.IT

TEACH

Corsi online abilitazione insegnamento e sostegno in Romania

AbilitazionInsegnamento.IT comunica che a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al COVID-19 i corsi di abilitazione insegnamento e specializzazione sostegno in Romania si svolgeranno online e i discenti usufruiranno per tale motivo di uno sconto del 7%. I tirocini invece si svolgeranno in presenza.

Le iscrizioni si chiuderanno il 20 settembre.

Per ulteriori informazioni compilare il form dei contatti: Form contatti

abilitazione in italia

Abilitazione insegnamento, specializzazione sostegno, 24 CFU

Per partecipare al concorso per la scuola o per aumentare le proprie possibilità di lavorare come insegnante la formazione è sempre importante. Per questo AbilitazionInsegnamento.IT segue i docenti e gli aspiranti futuri insegnanti per accompagnarli a realizzare il proprio sogno. AbilitazionInsegnamento.IT ti segue nel percorso del TFA per l’abilitazione all’insegnamento e per la specializzazione sul sostegno che sono due offerte formative disponibili in Romania. Il TFA è un tirocinio formativo che serve per l’abilitazione all’insegnamento e che il nostro ente ti propone di seguire in una università rumena. Il corso in Romania viene riconosciuto anche in Italia, in quanto parliamo di due Paesi della Comunità Europea. Ugualmente è possibile ottenere un titolo relativo alla tua specializzazione nell’ambito del sostegno. Anche in questo caso la tua formazione sarà in Romania e consente di accedere ai concorsi nella scuola italiana. Questa formazione è importante perché oggi sono disponibili alcuni posti esclusivamente proprio per chi vuole lavorare sul sostegno. Una circostanza che valorizza questo tipo di formazione per i docenti. Anche i docenti già di ruolo possono approfittare del corso sostegno 2020. Infatti, anche per loro c’è la possibilità di accedere alla specializzazione sul sostegno. In questo caso, i docenti possono rappresentare un arricchimento formativo da spendere nelle proprie classi con gli alunni disabili. Dunque parliamo di una nuova avventura professionale. Si tratta di capire quale vantaggio si può avere partecipando ai prossimi concorsi anche se pensiamo ai progetti di mobilità. Infatti con i posti sul sostegno che dovranno essere occupati da docenti specializzati, richiedono un titolo di specializzazione che permette il trasferimento del docente sui posti di sostegno. Ma è importante anche tenere a mente il blocco quinquennale di mobilità che è riservato ai docenti di sostegno assunti in ruolo. Soprattutto conseguire il corso specializzazione sostegno in Romania permette ai docenti italiani di inserirsi nelle graduatorie di istituto in Italia, in modo tale da iniziare la carriera di insegnante dalle supplenze. 

Ma  AbilitazionInsegnamento.IT  si occupa anche di seguirti per i 24 CFU che servono per  accedere ai concorsi scuola. La formazione in questo caso si svolge in Italia. Ricordiamo inoltre che il 2020 è anche l’anno per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto. Si tratta di un momento nel quale può essere utile, ai fini dell’aggiornamento inserire i nuovi titoli acquisiti come può essere un TFA, una specializzazione sul sostegno o l’acquisizione dei 24 CFU. Ugualmente è anche vero che il decreto per l’aggiornamento potrebbe uscire in primavera. Come sappiamo ai prossimi concorsi per il sostegno, nel 2020, sono previsti più posti rispetto al precedente. Inoltre, viene avviato il Tfa sostegno per 14 mila posti. Si tratta dei posti che erano stati preventivati. Ma a questi vengono aggiunti ulteriori 7 mila. Dunque in totale parliamo di 21 mila posti. Per maggiori informazioni contatta subito AbilitazionInsegnamento.IT e scopri le offerte per quanto riguarda i TFA, la specializzazione al sostegno o per ottenere i 24 Cfu.  

UNIVERSITÀ: ABILITATI IN ROMANIA, CONSIGLIO DI STATO BACCHETTA MIUR

ROMA (ITALPRESS) – L’abilitazione all’insegnamento in Romania ed il titolo di studio conseguito in Italia non necessitano di mutuo riconoscimento. Lo ha stabilito la Sesta Sezione del Consiglio di Stato che ha accolto l’appello patrocinato dall’avvocato Maurizio Danza del Foro di Roma, a favore di 500 abilitati all’insegnamento in Romania, stabilendo che il Miur – Ministero dell’Istruzione ha violato la Direttiva europea.
In particolare, l’appello era stato presentato per la riforma della sentenza del Tar per il Lazio per l’annullamento dell’avviso Miur, dei decreti di rigetto delle istanze dei ricorrenti finalizzate al riconoscimento dell’abilitazione conseguita in Romania nella parte in cui il Ministero assumeva che i titoli denominati “Nivel I e Nivel II” conseguiti dai cittadini italiani in Romania, non soddisfacevano i requisiti giuridici per il riconoscimento della qualifica professionale di docente ai sensi della Direttiva europea.
Con tale appello la difesa aveva impugnato altresì i decreti di depennamento e di avvio del procedimento di esclusione dei ricorrenti dalle procedure concorsuali riservate, disposti dagli Uffici Scolastici Regionali.
Contrariamente a quanto disposto dal Tar Lazio, sezione III bis, il Collegio della sezione VI del Consiglio di Stato ha accolto l’appello dell’avvocato Maurizio danza, confermando sostanzialmente l’orientamento già intrapreso, e stigmatizzando il corto circuito logico del Miur, “derivante dalla impostazione seguita dal Ministero che, accedendo alla posizione valevole per lo stato romeno, ha escluso la rilevanza della formazione in Italia ai fini dell’abilitazione all’insegnamento in quella nazione, fondamentalmente si finiva per escludere la rilevanza delle lauree italiane nell’ambito del territorio”.
Secondo il Consiglio di Stato, il Miur ha palesemente disatteso altresì le norme della Direttiva europea avendo l’obbligo di riconoscere in modo automatico i titoli di formazione previsti da tale direttiva e rilasciati in un altro Stato membro al termine di formazioni in parte concomitanti, sulla base di un principio già espresso dalla Corte di Giustizia europea.
(ITALPRESS).

ABILITATI IN ROMANIA. IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE DEFINITIVAMENTE L’APPELLO RITENENDO CHE LA ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO IN ROMANIA E IL TITOLO DI STUDIO CONSEGUITO IN ITALIA NON NECESSITA DI MUTUO RICONOSCIMENTO : IL MIUR RIGETTANDO L’ISTANZA HA VIOLATO L’ART.45 TFUE E L’ART.13 DELLA DIRETTIVA EUROPEA N°36/2005

Concorso ordinario scuola secondaria e concorso straordinario sostegno

In questo periodo di emergenza e di scuole ferme, il MIUR apre a nuove assunzioni attraverso un bando ordinario per il reclutamento di personale docente per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Ugualmente è stato presentato anche il bando per il sostegno. Il concorso porterà all’assunzione di 25.000 nuovi docenti. Ecco cosa bisogna sapere sul concorso scuola 2020.

Titoli per l’accesso al bando

Secondo quanto riportato sulla Gazzetta Ufficiale del 28 aprile 2020, dal 15 giugno al 31 luglio sarà possibile inviare le domande per partecipare al concorso scuola. Inoltre per partecipare i requisiti richiesti per partecipare sono:

– Il possesso dell’abilitazione specifica alla classe di concorso;
– In alternativa, la laurea magistrale o a ciclo unico,
– Il diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica o un’altro titolo equipollente o equiparato.

L’importante è che si tratti di un titolo coerente con le classi di concorso vigenti. Soprattutto, il candidato deve aver già conseguito i 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. Per il concorso è possibile anche presentare la propria abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione. In tal caso, ovviamente, bisogna essere comunque in possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente. Invece viene richiesto il diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore per i posti come insegnante tecnico-pratico (ITP), quale requisito fino all’anno scolastico 2024/25.

Posti per il sostegno

Nello stesso periodo del concorso ordinario abbiamo anche il concorso straordinario. Si tratta di un concorso riferito sempre alla scuola secondaria per il ruolo di insegnante di sostegno. Per partecipare a questo bando i requisiti di accesso c’è il possesso di un titolo di studio valido in riferimento alla classe di concorso. Inoltre c’è il riconoscimento di tre annualità di servizio anche se non consecutive svolte tra l’a.s. 2008/09 e l’anno scolastico 2019/20 su posto comune o di sostegno. Mentre è richiesto che almeno un anno di servizio svolto per il sostegno nel grado di scuola richiesto. Ugualmente è necessario avere la specializzazione relativa al grado di scuola scelto. Sempre molto importante è anche notare le occasioni lavorative che passano attraverso gli ultimi concorsi scuola pubblicati. Infatti, dal prossimo anno tanti insegnanti avranno l’occasione di essere immessi in ruolo. Allo stesso tempo saranno integrati sul posto di sostegno anche docenti che sono in possesso del titolo di specializzazione sostegno ma che non hanno l’abilitazione sulla disciplina. Invece, per la prima volta al TFA sostegno IV ciclo vengono ammessi anche i laureati con 24 CFU e docenti con 3 annualità di servizio, senza abilitazione.

Dove sostenere gli esami

Il concorso per la scuola 2020 è organizzato dal Ministero dell’Istruzione su base regionale, con possibilità di aggregazione territoriale per alcune regioni. Infatti uno stesso Ufficio Scolastico Regionale può essere responsabile dello svolgimento delle procedure concorsuali per più regioni. I candidati, invece, possono trovare sul sito del MIUR un’applicazione con l’obiettivo di aiutarli a individuare facilmente i luoghi dove si svolgeranno gli esami. Una volta scaricata l’applicazione, Per utilizzarla occorre impostare la regione a cui è stata inoltrata l’istanza e la tipologia di posto o il grado di istruzione richiesto. Poi, una volta fatto l’accesso sul portale, l’aspirante docente presenterà obbligatoriamente domanda online attraverso l’applicazione Piattaforma Concorsi e Procedure selettive. Inoltre bisogna ricordare che si tratta di un bando che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Abilitazioni all’insegnamento e specializzazione sostegno in Romania

AbilitazionInsegnamento.IT offre il proprio tutoraggio a coloro che intendono intraprendere il percorso per l’abilitazioni all’insegnamento e la specializzazione sostegno in Romania. Universitaromania.EU è un ente che lavora con esperienza e professionalità grazie a un sistema di tutoraggio altamente qualificato.

Per maggiori informazioni contattaci subito: pagina contatti